Guerra e resistenza a sud di Roma

«Questa mia indagine non vuole colmare un vuoto, ma soltanto riannodare i fili di una memoria sempre più divisa e dare un contributo alla riscoperta della misconosciuta attività partigiana nei territori a sud di Roma, specie nell’area dei monti Prenestini e dell’alta valle del fiume Sacco – credo mai affrontata prima in modo organico – con brevi notazioni anche sui territori Lepini, Ernici e Simbruini».

Così l’autore Roberto Salvatori spiega il senso del suo lavoro, un’approfondita ricerca svolta nel corso di anni presso gli archivi civili, politici e militari, e su un’ampia pubblicistica. Un racconto che non vuole avere «né tratti agiografici né accenti enfatici, tantomeno luoghi comuni» ma indaga, col ritmo serrato di un libro d’avventura, quale fu il rapporto tra le popolazioni del basso Lazio e il fenomeno resistenziale.

Anno di uscita: 2014
Pagine: 253
Formato: 15 x 21
Prezzo: 15 euro