Il Forte di Paliano

Il Forte di Paliano

Risultato di un’accurata ricerca effettuata negli archivi di Stato di Roma e Frosinone, nel Gabinetto disegni e stampe degli Uffizi di Firenze, nella Biblioteca Nazionale centrale di Firenze, nell’archivio Colonna e, ovviamente, nell’archivio della Casa di Reclusione di Paliano, il libro si pone come obiettivo quello di delineare, attraverso una ricostruzione puntuale e rigorosa, fatti e avvenimenti – anche di una certa rilevanza storica nazionale – accaduti all’interno dei possenti bastioni della fortezza, ma anche dietro le mura della città di Paliano.
Il volume mostra soprattutto uno spaccato di come era organizzata la vita nel castellum e delle trasformazioni che esso ha subito nel corso dei secoli, dall’alto Medioevo – quando era posseduto da una ristretta cerchia di signorotti locali e nobili communis possessores – all’epoca rinascimentale, quando venne infeudato dalla potente famiglia Colonna, fino al 1870, cioè fino alle vicende seguite all’annessione dei territori dello Stato Pontificio da parte del nuovo Stato unitario.
Il lavoro rappresenta anche l’occasione per comprendere le vicende che hanno segnato e cadenzato la storia architettonica della cittadella militare di Paliano, soprattutto dal 1844 in poi, cioè al tempo della cessione dell’intera struttura da parte di Aspreno Colonna alla Santa Sede, che di lì a poco, la adibì a Bagno penale dove erano trasferiti «gli incorregibili delle altre galere dello Stato».
Oltre alla riproduzione di documenti del tempo (piante topografiche e catastali, planimetrie delle fortificazioni ecc.) viene anche tracciata una storia sia per immagini che fotografica, dall’epoca di Pio IX allo Stato monarchico e così via, per concludersi con un’interessante carrellata sulle divise e sugli uomini un tempo detti Guardie di custodia o carcerarie, e poi agenti di custodia.
Durante il periodo risorgimentale, si segnala certamente per la sua gravità l’episodio accaduto nel Forte il 14 marzo 1857. Un fatto che scosse le coscienze dell’Italia libera e anticlericale, cioè la sommossa dei detenuti politici (liberali, mazziniani ed ex garibaldini) nel carcere di Paliano duramente repressa nel sangue dalla Gendarmeria pontificia.

Anno: 2014
Pagine: 144
Formato: 21 x 30
Prezzo: 20 euro